Diego Serra - 18 luglio 1981
Nel 2001 con Cher e alcuni amici fonda
la "zebra rock band".
Nel 2003 con la collaborazione del bravo batterista Max lo Bue
incide "il GRUGNO"

I BAMBINI BUONI VANNO IN PARADISO...TU ANDRAI OVUNQUE

MIA LADY

Dove sei Mia Lady
Spezzacuori acida
mi ricordo che volevi
esser luminosa come una stella

Cosa fai Mia Lady
nel profondo del mare blu
cercando quel che volevi
sei annegata ed il tuo fuoco non brucia più

...E lei sognava nei pensieri suoi
un momento magico un istante unico
pieno di energia cosmica
pieno di fortuna e libertà
Mia Lady adesso ascoltami
Mia Lady esplodi insieme a me...

Ho saputo Mia Lady
che dagli abissi sei tornata sù
che con un'altra cometa
sei volata nell'immenso cielo blu

Guardati Mia Lady
sei riuscita a vincere
in questa specie di vita
ora non ti resta altro che esplodere

...E lei sognava nei pensieri suoi
un momento magico un istante unico
pieno di energia cosmica
pieno di fortuna e libertà
Mia Lady adesso ascoltami
Mia Lady esplodi insieme a me...

Ascolta le tracce...
LA ZEBRA ROCK BAND
Il Grugno

Play = Ascolta tutto il cd Click su brano per ascolto singolo

Il monumento al nulla

Sulla spiaggia

Fregatene

Cocco di mamma

Sporcizia

Mia lady

Piccola Koki

Fruby

La canzone sugosa

Ascolta le tracce...
LA ZEBRA ROCK BAND
La fenice

Una piccola premessa per questo cd. Sicuramente non potrà essere come il precedente. Troverete una modesta raccolta di piccoli brani in cui "Sibra" iniziava ad esercitarsi alla chitarra. La pronuncia, le steccate sono proprie di chi è nella fare di apprendimento

Passerai

Anodyne

Sturtruppen

Slap from the glory

Sweet me angel

Lacrime

I can be free

Roll over

Gli occhi di Sara

The last woman

Malibù drink

Canzone improvvisata (senza titolo)

La zebra Sibra

Diego Serra in arte e per gli amici "Sibra la Zebra" nasce a Savigliano il 18/7/1981. Sensibile e rispettoso del prossimo, ricco interiormente di valori veri della vita, ragazzo come tanti ma con quel qualcosa in più che ha fatto di lui una persona speciale e fuori dagli schemi, amante della vita e delle cose semplici.
Con l'inizio delle scuole superiori, nell'ora di musica, s'innamora della chitarra, i genitori per Natale gli comprano la sua prima "Samick" acustica, non sapendo fino a che punto ne avrebbe fatto uso…molto presto si sarebbero resi conto che quello non sarebbe stato solo un'hobby passeggero. Un amico del cuore inizia a fargli le prime lezioni, piano piano Diego diventa autodidatta, inizia a scrivere testi, musica e prova per ore e ore, fino a quando non riesce ad entrare in sintonia con ciò che ha scritto, spinto dal cuore e dalle sue emozioni.
E' così che inizia la sua più grande passione, ci mette tutta la tenacia che lo ha sempre contraddistinto,le pareti della stanza cominciano a rimbombare di "rock scatenato" ed alcune volte la famiglia è stata costretta a dirgli di abbassare il volume!

Inizia a lavorare e non lesina sacrifici pur di riuscire con il lavoro ad acquistare poco alla volta tutti gli strumenti musicali che gli servono; ogni momento libero è dedicato alla musica, il tempo passa ed è un continuo apprendere e provare, tutto ciò diventa il suo più grande sfogo, crede fermamente nel suo sogno e desidera andare lontano, pur avendo la consapevolezza che la strada intrapresa sarà lunga e difficoltosa… riuscire in questo campo non è per nulla semplice.
Forte delle sue convinzioni nel dicembre del 2003 riesce ad incidere il suo primo cd, cura tutto nei minimi particolari, nulla viene lasciato al caso, il titolo, il colore della copertina, l'interno… Nasce un cd che proviene dal cuore e dal lavoro di diversi anni.

Con immensa gioia condivide con la famiglia e gli amici questo suo primo sudato lavoro. In una piccola intervista rilasciata ad un giornale locale per il lancio del cd aveva detto: "Mi piace molto scrivere di tutto ciò che vedo e di come le esperienze che faccio parlano di me… spesso scrivo una canzone per raccontare di quelle persone che sono entrate nella mia vita o semplicemente ci sono passate attraverso, facendo qualcosa per me anche senza accorgersene, la canzone serve per immortalare quel dono e non perderlo". Ci sono pile di quaderni, tante parole, disegni e note lasciate lì in attesa che il loro ideatore le termini per farne ancora nuova musica, nuova emozione. …Tragicamente qualcuno ferma per sempre la vita di Sibra su un asfalto maledetto il 22 maggio 2004. Nessuno finirà di scrivere le note su quel pentagramma; Diego ci lascia e rimane la sua voce, la musica e qualcosa che andrà oltre il tempo; un sogno, un grande sogno che la sua famiglia e gli amici veri hanno continuato a portare avanti, per questo nel 2008 presso l'oratorio di Genola è stata allestita una sala musica a lui dedicata, uno spazio per quei giovani che hanno questa passione e non hanno un posto dove dar sfogo alla loro vena artistica, forse domani ci sarà un ragazzino contento di suonare, grazie anche ad un piccolo contributo di un giovane musicista di nome Zebra.
Diego amava trasmettere la sua musica, gioia, entusiasmo e voglia di vivere, lassù sarà felice di vedere sul volto di tanti neo musicisti la stessa tenacia nel portare avanti i sogni, anche i più difficili da raggiungere. mamma papà e Cinzia.

"Il mio unico Bersaglio è in cielo
Il mio unico Bagaglio è la mia pelle
mi manca solo un cappello per ripararmi dal sole
Ma intanto parto lo stesso
qualcosa per strada Troverò
Diego Serra
By Sibra

Il Grugno di Sibra utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento